Roma: arrestati due anarchici con l’accusa di atti di terrorismo

Auto dei Carabinieri (Getty Images)

Con l’accusa di “associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico”, due anarchici sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri del Ros del Comando provinciale di Roma al termine di un’indagine coordinata dai Carabinieri del Ros con la Procura di Roma.

Il provvedimento cautelare in carcere è stato emesso dal Gip del Tribunale di Roma Maurizio Caivano nei confronti di due persone incensurate, residenti ai Castelli Romani, che appartenevano alla struttura eversiva “Federazione Anarchica Informale/Fronte Rivoluzionario Internazionale. Individualità Sovversive Anticivilizzazione”, che si occupava di rivendicazioni ambientaliste, animaliste e sociali.

Secondo quanto si apprende, sui due uomini, un 29 enne e un 26 enne incensurati, pendono una quindicina i capi di accusa, tra i quali la violazione degli articoli 270 bis (associazione con finalità di terrorismo), 280 bis (atto di terrorismo con ordigni esplosivi) e 423 (incendio) del codice penale ma anche furto aggravato, deturpamento e imbrattamento di cose. 

Dalle indagini condotte anche attraverso intercettazioni e pedinamenti, i due anarchici arrestati sono accusati di 13 azioni eversive, danneggiamenti e attentati compiuti dal 2010 al 2013 ai danni di 13 obbiettivi tra cui istituti di credito, esercizi commerciali e sedi periferiche di Enel ed Eni, compiuti tra il novembre 2010 e il dicembre 2012 nell’area dei Castelli romani, in particolare ad Albano Laziale, Marino, Frascati e Genzano.

Attualmente sono in corso anche una serie di perquisizioni nei confronti di almeno tre persone, tra le quali due uomini e una donna che sono riconducibili alla stessa area eversiva.

Attesa a metà mattinata una conferenza stampa presso il comando provincia carabinieri di Roma, alla presenza del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, del pool antiterrorismo che ha coordinato l’inchiesta, e del generale Mario Parente, comandante del Ros che illustreranno i particolari dell’operazione.

Redazione