Juventus, scoppia il caso Pirlo: rinnovo e troppe sostituzioni sul banco di Conte

Andrea Pirlo (getty images)

Andrea Pirlo, centrocampista della Juventus e della Nazionale in 4 partite è stato sostituito da Conte più volte che in tutto lo scorso campionato e uscendo dal campo col Verona ha mostrato il suo disappunto al tecnico bianconero.

L’edizione on line di sportmediaset.it fa un attenta analisi sulla situazione che sta vivendo “Andrea da Brescia”:

Capitolo sostituzioni. Nella stagione 2012/2013 in campionato Pirlo è stato sostituito soltanto una volta, mentre in questo avvio il tecnico bianconero l’ha già richiamato in panchina due volte. Dettagli, verrebbe da dire. Se non fosse che sullo sfondo c’è invece la seconda questione: il contratto. Pirlo è in scadenza e Marotta vorrebbe trovare un accordo per il rinnovo prima di giugno. Il sospetto – prosegue sportmediaset.it –  neanche troppo celato dal giocatore, è che la Juve gli stia mettendo fretta, lanciando piccoli avvertimenti proprio con i cambi durante le partite.

La verità, forse – conclude il portale online –  è invece un mix tecnico-contrattuale. In questa Juventus Pirlo non è più insostituibile e la sua posizione è meno salda di un tempo. Pogba scalpita per prendere il suo posto e il suo stipendio e a Vinovo ormai rappresenta il futuro. Marchisio, recuperato l’infortunio, del resto non è certo una seconda scelta, così come Vidal, vero trascinatore dei bianconeri. Quattro giocatori per due posti in campo, dunque: qualcuno in panchina deve andarci. Forse Pirlo dovrà farsene una ragione. Almeno fino a giugno”.

Redazione online