Grecia: incontro della Troika con Ministro riforma settore pubblico

Protesta dei lavoratori davanti al Parlamento, Atene (Getty images)

Mentre proseguono gli scioperi dei dipendenti pubblici in Grecia, i rappresentanti dei creditori internazionali della Grecia, della cosiddetta Troika formata dall’Unione Europea, dalla Banca Centrale Europea e dal Fondo monetario internazionale, si recheranno oggi al ministero della Riforma Amministrativa per valutare la situazione dopo la messa in stato di mobilità di 12.500 dipendenti del settore pubblico.
Per i tre alti rappresentanti, la riforma del settore pubblico è di primaria importanza per il proseguimento degli aiuti al Paese.

I due tedeschi Matthias Mors (Ue) e Claus Mazuch (Bce), e il danese Paul Tomsen del Fmi incontreranno il ministro della Riforma Amministrativa, Kyriakos Mitsotakis.
Stando a quanto riferiscono i media il ministro greco consegnerà ai tre funzionari i dati riguardanti la prima tornata della messa in mobilità, mentre fonti del ministero non nascondono il loro ottimismo sull’esito positivo dell’incontro.

Ieri i rappresentanti della Troika dopo aver incontrato il consigliere amministrativo della Taiped, l’Ente preposto alle privatizzazioni hanno espresso preoccupazione per i ritardi registrati nel programma di alienazione delle imprese a partecipazione statale evidenziando inoltre l’assenza di un presidente, dopo le dimissioni di Stelios Stavridis, con la quale è impossibilitata la convocazione del Consiglio d’Amministrazione.

Redazione