Scandalo Mps, al via oggi il primo processo

Monte Paschi di Siena (Getty Images)

C’è anche Gianluca Baldassari, ex responsabile dell area Finanza di Monte dei Paschi, questa mattina in aula al tribunale di Siena, nella prima udienza del processo che vede imputati anche l’ex presidente dell’istituto bancario, Giuseppe Mussari, e l’ex direttore generale Antonio Vigni, i quali invece hanno ‘disertato’ quello che è il primo dei processi nati dalle inchieste che hanno riguardato la storica banca senese, nata nel 1472 come monte di pietà per le classi sociali più disagiate.

Il processo contro i tre ex dirigenti di Monte dei Paschi di Siena riguarda il tentativo di ostacolare l’esercizio delle autorità di vigilanza, per quanto riguarda la ristrutturazione del debito contratto dalla banca toscana la banca giapponese Nomura. Per questo processo, gli imputati hanno chiesto e ottenuto il rito immediato. Parte lesa nell’ambito del procedimento penale è Banca d’Italia, alla quale sarebbe stato nascosto un contratto scritto che ridefiniva i termini dell’accordo.

Complessivamente, i magistrati hanno convocato 16 testimoni, tra i quali l’attuale amministratore delegato di banca Mps, Fabrizio Viola, mentre da parte della difesa dei tre imputati, 23 i testimoni indicati dall’ex presidente Giuseppe Mussari, 42 dai legali di Gianluca Baldassarri e 30 dal collegio che assiste Antonio Vigni.

Nel corso della prima udienza, inoltre, si è costituita parte civile la stessa banca Monte dei Paschi, attraverso il proprio legale, Giovanni Accinni, che ha sostenuto: “La banca è un soggetto quotato e sottoposto alla vigilanza della Banca d’Italia, per cui averla ostacolata determina un danno reputazionale per la banca”. Si sono infine costituite parte civile le associazioni dei consumatori Adusbef, Codacons, Confcosumatori, alcuni risparmiatori e diversi piccoli azionisti.

Redazione online