Carceri, Napolitano: “Abbiamo bisogno che il Parlamento discuta e lavori”

Giorgio Napolitano (Getty IMages)

Nel corso di una visita al carcere di Poggioreale, a Napoli, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha commentato la situazione carceriera in Italia con una premessa indirizzata alla stabilità del governo: “Le Quattro Giornate di Napoli ci debbono dare convinta fiducia in quel che di qui può ancora venire, nelle critiche circostante attuali e nell’incerto prospettarsi del futuro, alla causa comune dell’Italia e dell’Europa”.

Un messaggio di speranza per il futuro da parte di Napolitano che tuttavia tiene a ricordare che “abbiamo bisogno che il Parlamento discuta e lavori, non che le Camere ogni tanto si sciolgano. Non abbiamo bisogno di campagne elettorali a getto continuo, ma di risolvere problemi concreti e di continuità”.
Il Presidente della Repubblica ha poi proseguito citando tra i problemi concreti il tema della disoccupazione e la “condizione degradante in cui si vive in molte carceri”.

In tal senso, afferma Napolitano, “sulla situazione nelle carceri è pronto un mio messaggio al Parlamento per sollevare la questione dell’emergenza carceraria. Per trasmetterlo attendo solo un momento di maggiore serenità e attenzione politica perché mi auguro che venga letto e ascoltato con ogni sforzo. Mi auguro che il clima sia sufficientemente svelenito da poter accogliere serenamente questo mio messaggio e che il Parlamento lavorerà nei mesi a venire. Pongo al Parlamento un interrogativo, se esso ritenga di prendere in considerazione la necessità di un provvedimento di clemenza, un provvedimento di indulto e di amnistia”.

Un impegno da parte del Presidente della Repubblica teso a superare la drammatica situazione carceraria italiana, sostenuto da molte lotte promosse dal Partito radicale e dal suo leader, Marco Pannella.

Redazione