Camusso a Renzi: parta dal lavoro e introduca la patrimoniale

Susanna Camusso (Getty Images)
Susanna Camusso (Getty Images)

Susanna Camusso, leader della Cgil, ha rivolto delle richieste molto precise al futuro Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi, per ora solo premier incaricato finché non formerà la nuova squadra di governo e otterrà la fiducia alle Camere. La Cgil, ha sottolineato Camusso, si aspetta fatti concreti, a partire dalla questione lavoro, vero e proprio dramma nazionale.

“Sicuramente se si parte dal lavoro è già un buon segnale, però vorrei qualcosa più dei titoli: servono proposte concrete“, ha detto Susanna Camusso intervistata da Radio1, chiedendo in primo luogo l’introduzione di una imposta patrimoniale con cui finanziare interventi volti a far ripartire l’occupazione.

“Senza proposte concrete che partono da risorse e investimenti per creare lavoro, – ha ribadito Camusso -, rischia di essere sì un messaggio di fiducia, ma non davvero una politica che cambia e va in discontinuità rispetto ai governi precedenti”. Per la leader della Cgil, quindi, va modificato “l’equilibrio della tassazione, riducendo la tassazione sul lavoro e spostando parte del peso su patrimoniale e rendite finanziarie”.

Redazione