Primarie centrosinistra a Bari, polemiche su presunti brogli

Antonio Decaro (screenshot Youtube)
Antonio Decaro (screenshot Youtube)

Antonio Decaro, già assessore alla mobilità e al traffico del Comune di Bari della prima giunta guidata da Michele Emiliano, attualmente deputato del Partito Democratico, è il candidato della coalizione di centrosinistra per le prossime comunali. Il parlamentare ha battuto i suoi due avversari, l’indipendente Elio Sannicandro e il leader di Realtà Italia Giacomo Olivieri. A pesare sul voto, che ha coinvolto 20mila baresi, sono però le polemiche su presunti brogli.

Tra i primi a denunciare le irregolarità, proprio Decaro, che ha spiegato: “Purtroppo, accanto a questa Bari che vuole partecipare ci sono troppi interessi diversi, a dir poco opachi, nascosti dietro questa consultazione. Mi raccontano di persone che protestano vibratamente perché non ricevono il tagliando e dunque non possono incassare il compenso”. A suffragare l’ipotesi brogli, la foto di un buono sconto da 15 euro da spendersi in un supermercato.

Denuncia irregolarità anche il presidente del Comitato di garanzia, Angelo Gallucci: “Abbiamo sentito con le nostre orecchie due donne al seggio che discutendo tra di loro preannunciavano un appuntamento per domani. Le due si sarebbero dovute recare a un comitato elettorale per ottenere il rimborso di tre euro”. Anche Elio Sannicandro parla di “numerosissime segnalazioni di episodi inquietanti che gettano un’ombra sull’esito della consultazione”.

Giacomo Olivieri, invece, polemizza sostenendo di essersi augurato che “non ci fossero altri scherzi da parte dei cugini del Pd, visto che già a metà giornata si è cambiata rotta sulle ricevute di voto”. Il leader di Realtà Italia, forte delle 9mila preferenze ricevute, ha poi sottolineato nella mattinata di oggi: “Rimaniamo nella coalizione di centrosinistra perché ci riconosciamo in un percorso aperto, ma saremo chiari sulle nostre proposte”.

Redazione online