Fiorentina, Montella attacca: ”Siamo antipatici agli arbitri, diamoci tutti una calmata”

Vincenzo Montella (getty images)
Vincenzo Montella (getty images)

 

La Fiorentina protesta ancora contro gli arbitri e in questo caso contro l’arbitraggio di Gervasoni nel match contro il Parma di ieri. Lo fa il tecnico Vincenzo Montella che prima fa una critica alla classe arbitrale, poi tende la mano.

Ecco le sue parole, riprese da La Gazzetta dello Sport: ”Stiamo diventando antipatici, antipatici a chi ci arbitra e non solo. Antipatici come società, come giocatori e anche io come allenatore. E’ il paradosso nel paradosso. Antipatici perché stiamo andando oltre le aspettative? Pensassi questo me ne andrei, siamo antipatici perché protestiamo troppo, almeno a detta di chi ci conduce. Certo, noi dobbiamo migliorare: da un anno e mezzo i giocatori si sentono un po’ vittime, a torto a o ragione, tantissime volte a ragione anche se non va detto se no poi gli arbitri si offendono. Dobbiamo comunque fare un passo indietro e lo faremo, altrimenti dovremmo andarcene tutti. Gli arbitri però ne facciano uno avanti. Ci vuole più collaborazione, a volte sembra un testa a testa, ci vuole uno sforzo da parte di tutti, calciatori, arbitri e chi li gestisce. Pensavo fosse obbligatorio salutare gli arbitri, io li ho aspettati ma non sono mai arrivati. Solo dopo, negli spogliatoi ci siamo chiariti, mi hanno spiegato che per loro non è d’obbligo il saluto in mezzo. Magari Gervasoni era nervoso, o non voleva prendere altri insulti dai giocatori. Se mi sento frustrato? No. Diciamo così”.

Marco Orrù