Marino si difende: ho espresso solo il disagio di Roma

Ignazio Marino (Getty Images)
Ignazio Marino (Getty Images)

Il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, è tornato a difendersi sui toni usati in questi giorni in seguito al ritiro dal Parlamento del decreto Salva Roma, a causa dell’ostruzionismo di Lega e Movimento 5 Stelle, poi varato nuovamente oggi dal Consiglio dei Ministri.

Io ho semplicemente espresso il disagio che dovevo esprimere come sindaco della Capitale d’Italia, non ho usato toni violenti nei confronti di nessuno – ha detto il sindaco ai microfoni di SkyTg24- ma se un documento che è importante per la Capitale d’Italia rimane in commissione Bilancio al Senato per 42 giorni e il documento è lungo 4-5 pagine, penso che 5 pagine si possano esaminare in un tempo più breve di 42 giorni”, ha concluso.

In una telefonata tra il sindaco Marino e il premier Matteo Renzi sarebbero volate parole grosse, come hanno rivelato alcuni giornali.

Redazione