Milan-Juventus, Conte: ”Vinto da grande squadra. E a Prandelli dico…”

Antonio Conte (Getty Images)
Antonio Conte (Getty Images)

 

La Juventus vince un grande match contro il Milan, soffrendo, ma riuscendo comunque a tenere la porta inviolata, segnando due bei gol con Llorente e Tevez. A fine gara il tecnico dei bianconeri è molto soddisfatto dei tre punti presi: ”Non ci eravamo mai riusciti in questi tre anni, è la partita con la P maiuscola e non ci sono le differenza che dice la classifica. Abbiamo vinto soffrendo e questo è motivi di soddisfazione. Non si può sempre passeggiare. Scudetto in cassaforte? “La strada è ancora lunga. Riconfermarci in Italia sarebbe straordinario, ma non sarà facile. Il primo tempo è stato di sofferenza perché il Milan ha giocato a ritmi molto alti e ci ha messo in difficoltà. Nel secondo siamo stati più bravi, abbiamo raddoppiato e consolidato questa vittoria. Solo una grande Juve, però, poteva vincere contro questo Milan”.

Conte parla poi delle convocazioni di Prandelli per l’amichevole dell’Italia contro la Spagna. Presente anche Chiellini, da due settimane infortunato. Il tecnico slaentino se la prende un pò col Ct: ”Mi aspettavo almeno una mezza chiamata da Prandelli per chiedermi: stupido, come sta Giorgio?. Lo trovo poco garbato e poco educato questo tipo di comportamento: dai tanti giocatori alla Nazionale e ti fanno anche questo, non lo trovo giusto. Chiellini da tre settimane non gioca, venerdì ha ripreso ad allenarsi con un defaticante e l’ho portato a Milano per fargli riassaporare il campo ma, nella mia mente, non c’era il pensiero di utilizzarlo. Vederlo convocato mi dispiace e mi rammarica, tante volte da parte del ct si chiede collaborazione e disponibilità, noi ne diamo tantissima, perché forniamo tanti giocatori, mi aspettavo almeno una mezza telefonata”.