Processo No Tav: Beppe Grillo condannato a 4 mesi

Beppe Grillo (Getty images)
Beppe Grillo (Getty images)

Il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, è stato condannato a 4 mesi di reclusione e ad una multa di 100 euro per la violazione dei sigilli di una baita, posta sotto sequestro giudiziario, durante una manifestazione No Tav in Val di Susa, a Chiomonte, nei pressi del cantiere della linea ferroviaria ad alta velocità (Tav) Torino-Lione, nel 2010. La baita era stata costruita dai manifestanti nell’area del cantiere ed era poi stata sequestrata in quanto costituiva un abuso edilizio.

Il Pubblico ministero aveva chiesto una condanna a nove mesi per il comico e blogger e una multa a 200 euro. Pena che invece è stata ridotta.

Alla stessa pena di Grillo è stato condannato Alberto Perino, leader dei No Tav . Nel complesso sono undici le persone condannate nel processo. La pena più elevata, nove mesi di reclusione, è stata inflitta al leader antagonista Giorgio Rossetto. Tra gli altri condannati ci sono: Francesco Richetto (cinque mesi e dieci giorni), Nicoletta Dosio (quattro mesi), Pietro Fissore (sette mesi e dieci giorni) e Stefano Milanesi (sei mesi e dieci giorni). Dieci invece sono state le assoluzioni La sentenza è stata pronunciata dal giudice monocratico di Torino Elena Roccia.

Redazione