Escalation omicidi in Brianza: padre di famiglia ucciso a martellate e coltellate

Ambulanza (Getty Images)
Ambulanza (Getty Images)

Un uomo di 52 anni, Salvatore Marsilia è stato violentemente ucciso nella notte scorsa al termine di una lite famigliare scoppiata verso le 22h00 nell’abitazione di sua madre, situata in via Pala Bianca 1, nel quartiere Molinello di Cesano Maderno (Monza Brianza).

Una notizia sconcertante che come ricorda ilgiorno.it porta a quattro il numero di omicidi in poche settimane in ambito familiare in Brianza tanto che si parla di “un’escalation di omicidi senza eguali negli ultimi anni”.

Questa volta però non si tratta di un femminicidio, ma bensì l’inverso: infatti l’uomo sarebbe stato ucciso dalla ex moglie di 49 anni e dalla figlia (che dopo essersi separata era tornata a vivere in famiglia) a colpi di martello e coltellate alla presenza della madre della vittima.

Le tre donne sono ora in stato di fermo dopo un lungo interrogatorio durato tutta la notte e nel quale sono stati interpellati in qualità di testimoni anche tre vicini di casa.
Tuttavia, al momento, risultano molte discordanze sui motivi che hanno scatenato la lite e la furia omicida.
Le forze dell’ordine fin da loro arrivo nell’abitazione hanno da subito avuto dei sospetti sulle due donne: infatti, la moglie dell’uomo presentava delle ferite sul volto.

Alcuni testimoni riferiscono che la famiglia stava attraversando un periodo di difficoltà economiche in quanto l’uomo era disoccupato da due anni e percepiva solo una piccolo indennità. A carico dell’uomo, come sottolinea l’Ansa, non sono emersi precedenti penali né episodi di liti o violenze, né in ambito famigliare né altrove.

La posizione delle tre donne messe in stato di fermo è ancora al vaglio dell’autorità giudiziaria. Le indagini sono condotte dai carabinieri del Comando provinciale di Milano e coordinate dalla Procura di Monza.

In base alle ricostruzioni fornite dai media locali, l’uomo sarebbe stato colpito più volte e ferocemente da un grosso coltello da cucina che l’ex moglie potrebbe aver preso inizialmente per difendersi ma che poi acciecata dalla rabbia abbia infierito sull’uomo La figlia sarebbe poi intervenuta colpendo il padre con il martello.

Successivamente è partita la chiamata al 118: sul posto son intervenuti i soccoritori dell’ambulanza e i carabinieri della tenenza di Cesano e della compagnia di Desio raggiunti dalla quadra della scientifica di Monza e il magistrato di turno Salvatore Bellomo.

“Una scena raccapricciante” ha detto uno dei soccoritori mentre la sorella della moglie accorsa sul posto chiedeva alle forze dell’ordine: “Cosa è successo? Cosa è successo? Come sta mia sorella?”. La cognata dell’uomo ha poi riferito che “non credo che litigassero spesso so che il marito era senza lavoro ormai da un po’ di tempo e un po’ troppo su di giri, ma non capisco cosa possa essere successo”.

Redazione