Incidenti sulla neve: bambina di tre anni muore in pista, uomo ucciso da valanga

Elicottero Montagna (getty Images)
Elicottero Montagna (getty Images)

Purtroppo anche questa domenica di inizio marzo fa registrare vittime sulla neve. Oggi è deceduto in ospedale un uomo che è stato travolto da una valanga durante un’escursione sul Monte Palanzone, in provincia di Como. Insieme a lui sulla montagna c’erano una donna e una bambina che si sono salvate. I tre stavano percorrendo il sentiero che porta al rifugio Riella, a circa 1200 metri di quota, quando la valanga si è staccata e li ha travolti. L’uomo e la donna sono stati trascinati dalla neve a valle per centinaia di metri, attraverso il bosco, e hanno subito diversi traumi e fratture, mentre la bambina è rimasta illesa, sepolta solo da un piccolo strato di neve. La donna, 40 anni, ha riportato una frattura ad una gamba, mentre l’uomo, nonno della bambina, ha avuto un arresto cardiaco. Rianimato dai soccorritori sul luogo dell’incidente, è spirato in ospedale a Como.

L’incidente più tragico, forse, è quello avvenuto sulle piste di Gressoney, in Valle d’Aosta, dove una bambina di tre anni è morta dopo essere stata investita da uno sciatore. I fatti sono accaduti intorno alle 13. La piccola, di Milano, stava facendo lezione di sci insieme ad altri bambini con il maestro su una pista blu, dietro ad un dosso, quando è stata travolta dallo sciatore che stava sopraggiungendo, un ragazzo di sedici anni, secondo quanto riferisce Rainews24.

La bambina è stata subito stata subito soccorsa da un medico rianimatore e da un traumatologo che stavano sciando nella zona, come riporta il Corriere della Sera, quindi è stata trasportata d’urgenza con l’elicottero all’ospedale di Aosta, ma per lei non c’è stato nulla da fare, il trauma riportato nell’urto è stato troppo grave. Il ragazzo che ha investito la piccola è rimasto illeso. Sull’episodio indaga la Forestale di Gaby.

Redazione