L’appello di Beppe Bergomi: ”Preoccupato dai farmaci presi in passato”

Beppe Bergomi (Photo by Marco Luzzani - Inter/Getty Images)
Beppe Bergomi (Photo by Marco Luzzani – Inter/Getty Images)

Beppe Bergomi, ex grande difensore dell’Inter e della Nazionale italiana, a distanza ormai di quasi un ventennio dal suo ritiro da calciatore, ha ancora una paura, ovvero che i farmaci presi in passato possano rivelarsi pericolosi a distanza di così tanti anni. Un dubbio che rimbomba nella sua mente, visti i casi degli ultimi anni. ”È vero – ha spiegato Bergomi durante un convegno sul doping organizzato dalla tv della svizzera italiana a Expo – a volte sono preoccupato per i farmaci che ho preso o che mi hanno dato. Il Micoren all’epoca non era conosciuto, all’Inter ce lo davano e ci dicevano che serviva a spaccare il fiato, anni dopo invece si è scoperto che è una sostanza pericolosa e lo hanno ritirato dal mercato. Ma negli anni precedenti il Micoren lo davano a tutti e in tutte le società. Oggi fortunatamente i tempi sono cambiati, ci sono maggiori possibilità di prendere informazioni e di cautelarsi. I ragazzi devono sempre chiedere informazioni su tutto quello che gli viene dato e devono puntare soltanto su una corretta alimentazione e sull’allenamento. Noi quel Micoren lo abbiamo preso ingenuamente, perché ci dicevano che ci aiutava. Se giocassi oggi mi comporterei diversamente”. Parole che certamente faranno riflettere.

M.O.