Costruisce un orologio e lo arrestano: la realtà diventa un incubo per il piccolo Ahmed

Ahmed Mohamed DirettaNews
(Youtube)

Il 14enne Ahmed Mohamed era andato a scuola – la MacArthur High School in Irving (Texas) – portando un orologio digitale, ricavato da un astuccio e vecchi componenti elettronici, sperando nella lode della sua insegnante per l’iniziativa. La giornata che, nella mente del liceale, avrebbe dovuto concludersi con un successo è terminata…dietro le sbarre. Dopo aver ricevuto i complimenti dell’insegnate di ingegneria, per Ahmed è arrivata la beffa; un altro docente, insospettito dal beep emesso dal dispositivo e non sapendo di cosa si trattasse, ha scambiato l’orologio per un ordigno esplosivo: al termine delle lezioni, avvisata dalla scuola, la polizia ha arrestato il giovane, successivamente rilasciato, si dice con l’accusa di aver costruito una ‘falsa’ bomba. Il caso ha attirato l’attenzione dei Media e fatto scattare la simpatia di molti verso Ahmed. A favore del giovane sono arrivati messaggi del fondatore di Facebbok, Marck Zuckerberg, della ex first lady oggi candidata alla presidenza USA Hillary Clinton, e dell’attuale ‘inquilino’ della Casa Bianca, Barack Obama. In un tweet il presidente Obama ha scritto: “Forte questo orologio Ahmed, vorresti portarlo alla Casa Bianca? Dovremmo fare in modo che più ragazzi amassero la scienza come te. E’ questo che rende grande l’America”. Un altro invito è arrivato dal papà di Facebook: “Avere l’abilità e la capacità di costruire qualcosa di ‘fico’ dovrebbe far applaudire, non provocare un arresto. Ahmed se ti andasse di visitare Facebook, mi farebbe piacee incontrarti”. Inviti accettati e accuse ritirate. In Italia cosa sarebbe successo invece?

L. B.

Obama tweet ahmed
Il tweet di Obama ad Ahmed