Le negano il contributo per la casa: picchia il sindaco

Ippazio Stefano (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)
Ippazio Stefano (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Spiacevole aggressione nei confronti del sindaco di Taranto, Ippazio Stefano, da parte di una donna che lo ha atteso nell’atrio del municipio e poi colpito con alcuni pugni. Il primo cittadino, che ha subito di recente un intervento al cuore, è stato portato per accertamenti al pronto soccorso del locale nosocomio, mentre la donna, una 37enne, è stata arrestata dalla polizia municipale per violenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale. Ora si trova ai domiciliari, in attesa del rito per direttissima.

Alla base dell’aggressione ci sarebbero richieste inevase di un contributo per casa da parte della donna, da tempo seguita dai Servizi Sociali. Sul posto anche gli agenti della Digos, mentre è stato informato il pubblico ministero di turno, che ha convalidato l’arresto. L’aggressione è avvenuta proprio davanti agli occhi dei vigili urbani, immediatamente intervenuti per bloccare la donna e provare a placarne l’ira.

Solidarietà a Stefano da parte di Michele Di Fonzo, commissario provinciale di Forza Italia: “Non ci sono parole per definire un episodio simile; aggredire un uomo, il sindaco di una città, non è mai giustificabile”. Per l’ex consigliere regionale Pietro Lospinuso “tale gesto non può avere giustificazione alcuna e va condannato senza esitazioni, ma impone una riflessione. Taranto è una emergenza nazionale e ha bisogno di tutta l’attenzione possibile”. Solidale anche Adriana Poli Bortone, che “pur condannando questi gesti e queste forme di violenza”, dice di comprendere “le apprensioni e le preoccupazioni di questa povera gente colta dall’esasperazione anche per la mancanza di risposte delle amministrazioni comunali”.

Leggi anche

Sindaco del napoletano aggredito da disoccupato

Catania: sindaco aggredito per strada

Choc a Pompei: accoltellato in strada l’ex sindaco D’Alessio

GM