Gli insegnanti zittiscono la Giannini, costretta ad andarsene

Giannini Scuola
(Elisabetta Villa/Getty Images)

Ormai sta diventando quasi un’abitudine. Festa dell’Unità che vai, contestazione ad esponenti del governo che trovi. L’oggetto delle veementi proteste è sempre lei, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, l’autrice della così tanto vituperata legge sulla “Buona Scuola”.

Stavolta è accaduto a Ferrara e le proteste di un centinaio di insegnanti e sindacalisti sono state così forti e rumorose che il ministro ha dovuto abbandonare la festa e non ha potuto parlare. A nulla sono serviti i richiami degli organizzatori che chiedevano che alla Giannini fosse almeno concesso di prendere la parola. Per lei come dicevamo non è la prima volta. Ad aprile ci fu una durissima contestazione alla Festa Nazionale dell’Unità di Bologna, mentre a inizio settembre ci fu un altro durissimo attacco a suon di “Vergogna” e “Dimettiti”.

Ecco il video dell’ennesima contestazione:

Leggi anche:

La “Buona Scuola” di Renzi non piace alla moglie Agnese

L’assassino di Marta Russo assunto grazie a Renzi: insegnerà psicologia