Tennis, Coppa Davis: l’Italia in Russia per difendere il Gruppo Mondiale

Italia di Coppa Davis   (Photo credit should read FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images)
Italia di Coppa Davis (Photo credit should read FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images)

L’Italia di Coppa Davis riparte dalla Russia per difendere il Gruppo Mondiale, dopo l’inopinata sconfitta contro il Kazakhstan la scorsa Primavera. Nella lontanissima Irkutsk, in un impianto dove solitamente c’è l’Hockey su ghiaccio, abilitato a campo da Tennis, con 6 ore di fuso dall’Italia e senza Seppi, fermato in extremis da una borsite (salterà la prima giornata), la squadra azzurra deve stare attenta a tante insidie. Non ultima naturalmente la Russia, che non si presenta di certo già battuta.

Il primo match che è in programma in questi minuti è la sfida tra Bolelli (che sostituisce Seppi) e Gabashvili, il numero uno russo (58 Atp), poi a seguire ecco Fognini contro Rublev (176 al mondo), talento di 17 anni in grande ascesa. Domani poi il doppio che dovrebbe essere composto da Donskoy-Kravchuk per i russi e Lorenzi-Seppi per gli azzurri (ma la coppia può cambiare fino ad un’ora dall’inizio del match). Domenica poi gli ultimi due singolari: Gabashvili-Fognini e Rublev-Bolelli.

Il Ct Barazzutti non si fida dei russi: ”Se la classifica dice che siamo favoriti, non posso tuttavia nascondere che sarà una sfida complicata contro avversari motivati ed emergenti, che si esaltano in casa come sempre accade quando giochi per la tua nazione. Rublev è sicuramente un tennista molto interessante, ma tutta la Russia è un gruppo compatto, dove tutti si mettono al servizio della squadra e, almeno questo ha detto la sfida con la Spagna, hanno anche un doppio competitivo”.

M.O.