“Io, superstite del crollo delle Twin Towers”, ma era tutto falso VIDEO

Steve Rannazzisi (Daniel Zuchnik/Getty Images)
Steve Rannazzisi (Daniel Zuchnik/Getty Images)

Il racconto del comico Steve Rannazzisi, 37 anni, che più volte in tv aveva spiegato di essersi salvato dal crollo delle Torri Gemelle, aveva commosso gli Usa. “Ero lì quando la Prima Torre è caduta, sono scappato giusto in tempo per vedere il secondo aereo piombare sul World Trade center. La mia vita non è stata più la stessa: ho capito che era troppo preziosa per sprecare i miei sogni. Così ho lasciato New York insieme alla mia ragazza e sono partito per Los Angeles, per ricominciare una nuova vita come comico”, aveva raccontato il comico, che a partire da quella testimonianza aveva iniziato a costruirsi la sua carriera artistica.

Di recente, però, Rannazzisi ha ritrattato tutto in un’intervista al New York Times: “In realtà ero fuori dalle Torri, sono anni che mi sento stupido e in colpa per quella bugia. Anche nei confronti delle persone che sono morte e di quelli che hanno perso i propri cari”. Il comico ha proseguito: “Non so perché l’ho fatto, è stato imperdonabile, sono veramente dispiaciuto. Per anni ho sperato che il silenzio calasse su quell’orribile bugia detta da un ragazzo immaturo. Come potrò insegnare ai miei figli ad essere onesto quando io non lo sono stato?”.

Tra gli sponsor del comico c’è la Buffalo Wild Wings, che oggi sembra propensa a rivedere il rapporto di collaborazione: “Siamo delusi per le falsità dette da Steve sull’11 settembre. Attualmente stiamo rivalutando il nostro rapporto con lui, in attesa di una revisione di quanto successo”.

GM