Ragazzi down ‘disturbano’ la caccia e vengono minacciati con le armi

NEWTOK, AK - JULY 02: Eddie Lopez hunts for duck on Nelson Island on July 2, 2015 near Newtok, Alaska. Newtok has a population of approximately of 375 ethnically Yupik people and was established along the shores of the Ninglick River, near where the river empties into the Bering Sea, by the Bureau of Indian Affairs (BIA) in 1959. The Yupik people have lived on the coastal lands along the Bering Sea for thousands of years. As global temperatures rise the village is being threatened by the melting of permafrost, greater ice and snow melt and larger storms from the Bering Sea. According to the U.S. Army Corp of Engineers, the highest elevated point in Newtok - the school - could be underwater by 2017. Approximately nine miles away, Mertarvik has been established, though families have been slow to relocate to the new village. (Photo by Andrew Burton/Getty Images)
(Andrew Burton/Getty Images)

Erano impegnati in una tranquilla  gita in quad e all’improvviso sono stati minacciati da un gruppo di cacciatori. E’ successo a una comitiva di ragazzi down, presenti domenica scorsa all’evento ‘Diversamente tipico’, organizzato dall’AIPD – Associazione Italiana Persone Down della Marca Travigiana a Mareno di Piave. I partecipanti alla manifestazione – autorizzata dalle autorità e con regolare permesso di accesso ai terreni di Villa Paoletti, dove si teneva l’incontro – sono stati avvicinati da alcune ‘doppiette’ irritate dal rumore dei veicoli che disturbava la caccia a lepri e fagiani. La situazione è degenerata in breve tempo. Dopo un diverbio iniziale dai toni alti, uno dei cacciatori sembra abbia imbracciato il fucile, minacciando di sparare. A conferma dell’adagio ‘forti coi deboli e deboli coi forti’, quando gli organizzatori della festa hanno chiamato i carabinieri, le ‘doppiette’ si sono subito volatilizzate per evitare l’identificazione. I responsabili dell’associazione Down hanno sottolineato che i cacciatori non solo avrebbero vantato diritti inesistenti sulla zona – non di loro proprietà tra le altre cose – ma che nella zona di Mareno più volte sono stati segnalati spari a meno di 100 metri dalle abitazioni, a distanza non regolamentare dalle abitazioni.  La presenza delle doppiette nelle vicinanze della manifestazione, inoltre, poteva mettere a rischio l’incolumità dei presenti.

‘Diversamente tipico’ ha proseguito le sue attività per la gioiia dei ragazzi e delle centinaia di persone intervenute. Felici anche lepri e fagiani salvati da una, per loro, possibile domenica di sangue.

L. B.