Bambino forzato a usare la mano destra a scuola perchè i mancini sono malvagi

A left-handed child writes in the Salle du Pont du Buy in Brive-la Gaillarde, where writing and cooking workshops were organised and objets for the left-handed were sold, at the occasion of the French National Lefties' Day on August 23, 2015. AFP PHOTO / DIARMID COURREGES (Photo credit should read DIARMID COURREGES/AFP/Getty Images)
(DIARMID COURREGES/Getty Images)

Una maestra forza un bambino mancino di 4 anni a usare la mano destra perché la sinistra sarebbe ‘malvagia’. A raccontare questa storia dalle tinte medioevali (anche se in Italia questa pratica è stata la normalità fino agli anni 70 e, non ufficialmente, anche in seguito in alcuni istituti)  è stata la signora Alisha Sands. La donna, che vive con suo figlio Zayde nello stato dell’Oklahoma, aveva notato che il bambino aveva iniziato a scrivere con la mano destra e non con la sinistra come suo solito. Alla domanda se qualche insegnante gli avesse detto qualcosa in proposito – sospetti di una madre mancina, forse abituata ai pregiudizi che ancora oggi si sentono –  il piccolo ha alzato la sinistra dicendo ‘questa è cattiva’. A una nota scritta mandata all’insegnante del bimbo per avere chiarimenti, la signora Sands si è vista rispondere con un articolo di giornale che definiva i mancini ‘sfortunati, malvagi e sinistri’. Risposta incredibile sia per l’aspetto superstizioso che per la pericolosità di una azione del genere, dato che l’uso forzato della mano destra per contrastare il ‘mancinismo’ può avere come conseguenza danni motori e psicologici. A questo punto, la mamma  ha raccolto la risposta della maestra e l’articolo, mandandoli al sovrintendente scolastico senza però ottenere alcun risultato: “Non c’è stata alcuna sospensione, nessun provvedimento verso l’insegnante. La scuola non ha fatto quello che si suppone avrebbe dovuto fare”. La donna ha detto che sta pensando di trasferire il figlio in un’altra classe mentre il preside, finalmente, avrebbe deciso di aprire un’indagine.

L. B.