Denuncia nel brindisino: quelle ville a forma di svastica

Le ville a forma di svastica (ritaglio da Google Maps)
Le ville a forma di svastica (ritaglio da Google Maps)

A Specchiolla, una località balneare frazione del comune di Carovigno, in provincia di Brindisi, negli anni Novanta è stato costruito un intero complesso residenziale composto da ville che viste dall’alto, grazie alle immagini satellitari catturate da Google Maps, sembrano assumere la forma di una svastica. A denunciarlo, lo scorso 13 settembre, il portale globalist.it, che si chiede: “Come è possibile che un Comune possa aver autorizzato una simile scelta edilizia?”.

“Se sono proprio come le vediamo: si tratta di progetti autorizzati dal Comune o costruzioni abusive? In ogni caso la questione è grave davvero. Al Comune la risposta”, scrive ancora il portale. Le strutture nell’occhio del ciclone sono in tutto 25, tutte realizzate con la stessa tecnica, mentre altre aree adiacenti seguono un stile architettonico lo stesso lineare, ma senza alcun richiamo ideologico di questo tipo. In queste ore, intanto, sulle villette a forma di svastica si è aperta una vera e propria polemica politica.

A portarla avanti il coordinatore cittadino di Rifondazione Comunista, Vito Uggenti, che denuncia: “Carovigno spuntano edifici a forma di svastica. Nella città del culto mariano della Nzegna, dall’alto si scoprono apparizioni meno spirituali: tante svastiche a comporre un progetto architettonico”. Da qui la richiesta di chiarimenti: “Come mai è stato possibile realizzare ciò a Carovigno, e precisamente a Specchiola? Dal comune vogliamo informazioni immediate in merito a tutto ciò. Dobbiamo sapere di quale vergogna urbanistica si tratta”.

GM