In volo per gli Usa, il sindaco Marino soccorre due passeggeri

Ignazio Marino (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
Ignazio Marino (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, il sindaco di Roma, Ignazio Marino, è partito per gli Usa. Un viaggio contrassegnato da un ritardo nel volo: il primo cittadino è infatti giunto nella sala vip Alitalia dell’aeroporto di Fiumicino intorno alle otto del mattino, ma quando ha scoperto che il suo volo anziché alle 9.40 sarebbe partito non prima delle 11.30, ha deciso di cambiare aereo, partendo sempre con Alitalia ma alle undici.

In volo, Marino ha soccorso due passeggeri che hanno accusato dei malori. Per due volte “hanno chiesto di un medico e sono intervenuto”, ha spiegato il primo cittadino della Capitale, scherzando poi: “Alla fine ho detto al capitano che la prossima volta mi dovrà far viaggiare gratis”. Giunto a destinazione, nel corso di un incontro con alcuni imprenditori e filantropi, Marino ha raccontato ancora: “Mi sono alzato due volte: prima per un passeggero che ha avuto una crisi respiratoria e poi per un altro che ha avuto un attacco di panico”.

In base a quanto invece raccontato dall’agenzia LaPresse, Marino avrebbe notato che un passeggero era stato colto da una crisi respiratoria e già era stato soccorso da un altro medico. Ciò nonostante si è prodigato per soccorrere il passeggero. “Gli abbiamo somministrato un po’ di Bentelan e ossigeno, ora sta bene”, sono state le parole di Marino, mentre uno steward racconta: “Il sindaco è stato disponibilissimo, una persona squisita”.

GM