Le zanzare resistono anche in autunno, ecco come difendersi

zanzara
(foto Pixabay)

L’estate è ormai finita, ma non si è arrestato l’assalto di tafani e zanzare. Enrico Alleva etologo dell’Istituto superiore di sanità (Iss) e accademico dei Lincei spiega: «È il frutto dell’improvvisa risalita delle temperature unita a un’umidità molto alta. Questi insetti, a sangue freddo, depongono migliaia di uova e seppur assopiti per la fine della stagione estiva tendono, con il picco di caldo di questi giorni, a risvegliarsi e a pungerci». Il professore per Adnkronos Salute aggiunge: «Diventano più temibili nelle ore più caldeperché in questi giorni la mattina è fresco e questi insetti sono più intorpiditi. Poi se il sole riscalda l’ambiente iniziano a riprendersi e diventano attive e temibili». Ma come ci si può difendere? Oltre ai tradizionali mezzi chimici lo si può fare anche semplici e naturali rimedi per prevenire la diffusione dei fastidiosi insetti nei giardini di casa o sui balconi: «Avere gechi o piccoli rettili in balcone o nei giardini è d’aiuto per frenare la diffusione degli insetti: sono i loro predatori – suggerisce Alleva – come aiutano anche le piante repellenti o far sì che sotto le tettoie o le tegole facciano il nido gli uccelli. Ecco – conclude – sono semplici accorgimenti che possono però fare la differenza tra avere o meno un giardino o un balcone infestato dalle zanzare».

GR