Bimbo aggredito in spiaggia da due rottweiler

Rottweiler (pubblico dominio)
Rottweiler (pubblico dominio)

Tragedia sfiorata nei giorni scorsi sulla litoranea di Ponente a Barletta, dove due rottweiler, lasciati liberi senza guinzaglio e museruola, hanno attaccato un bimbo di otto anni, giunto in codice rosso in ospedale. Il piccolo giocava sul bagnasciuga e ha riportato numerose ferite su tutto il corpo, soprattutto all’altezza del bacino. Quando la mamma del piccolo e un’amica si sono rese conto di quanto stava accadendo, hanno provato a intervenire e sono state esse stesse aggredite, riportando ferite guaribili in una decina di giorni. Fortunatamente, il bimbo è stato operato e non è in pericolo di vita.

Tanti gli episodi di bambini aggrediti da rottweiler: a metà agosto, vittima una bambina di 11 anni azzannata al volto dal cane con cui giocava a casa di amici dei genitori, a Pino Torinese. La ragazzina, mentre si trovava ospite dell’abitazione degli amici di famiglia, si è avvicinata al cane, che era legato a una catena e che l’ha aggredita puntando al volto. All’undicenne sono state diagnosticate ferite profonde su tutto il viso e in particolare a mandibola, bocca, naso e palato duro.

Nonostante tutto, è stata la bambina stessa a preoccuparsi per la sorte del rottweiler: “Vi prego, non fatelo portare via, non è stata colpa sua”, avrebbe detto la piccola, mentre la madre aveva sottolineato: “Mia figlia è cresciuta con quel cane, lo adora. Non so cosa sia successo, ma di certo non è portando via Raul che le sue cicatrici potranno guarire. Anche se ancora non sappiamo se spariranno”.

Alla fine del mese scorso, invece, alla Cala del Leone, nel Livornese, un rottweiler ha morso in testa un bambino di 8 anni. Testimoni presenti sul posto hanno raccontato che il piccolo era stato attaccato dall’animale senza alcuna ragione apparente, ma era sempre rimasto calmo e cosciente. Il bambino aveva riportato una profonda lesione frontale e del vertice ed era stato trasferito in pronto soccorso, grazie anche all’intervento della capitaneria di porto, che su un gommone lo aveva trasportato fino al porticciolo di Antignano.

GM