Nacque senza parte del cervello, ha compiuto un anno

"Jaxon Strong" (foto dal web)
“Jaxon Strong” (foto dal web)

Lo hanno ribattezzato “Jaxon Strong” il piccolo nato a Tavares, in Florida, nell’agosto 2014 con un grave handicap: era infatti affetto da una anencefalia, una malformazione congenita grave che priva il nascituro, totalmente o parzialmente, della volta cranica e dell’encefalo. Di solito, poco dopo la nascita, il bambino è destinato a morire, ma il piccolo Jaxon, nelle scorse settimane, ha spento la sua prima candelina. Per sostenere la famiglia del bambino nelle spese mediche, alcuni amici della coppia hanno messo su una pagina su GoFundMe, raccogliendo in un anno circa 58mila dollari.

La mamma di “Jaxon Strong”, Brittany, ha raccontato la sua esperienza dopo il parto: “È stato molto emozionante e drammatico allo stesso tempo. Mi ricordo il secondo giorno, lo tenevo in braccio e ascoltavo i medici dire che mio figlio probabilmente non avrebbe mai camminato, mai visto, mai sentito, mai parlato, mai sentito lo stimolo di mangiare”. Nelle sue parole un misto di rassegnazione e speranza: “Cerco di rimanere positiva per il 99 per cento del tempo, poi c’è l’1% che sa che domani potremmo svegliarci e che Jaxon potrebbe non aver passato la notte. So che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo per mio figlio”.

La donna ha infine sottolineato l’importanza di avere tante persone vicine: “È incredibile come tante persone abbiano preso a cuore la nostra situazione. Quando vado per strada in tanti mi chiedono cosa possono fare per aiutarci e come sta il piccolo Jax. È un’ondata di affetto travolgente che non ci fa mai sentire soli”.

GM