Non vogliono farsi identificare e picchiano tre poliziotti

Ubriaco arrestato (Joe Raedle/Getty Images)
Ubriaco arrestato (Joe Raedle/Getty Images)

Mandano tre agenti al pronto soccorso dopo averli minacciati di morte nel tentativo di non farsi identificare: nottata di ordinaria follia tra sabato e domenica nella Questura di Piacenza dove due brasiliani ubriachi, di 19 e 48 anni, sono stati arrestati insieme a un 57enne italiano, dopo che – bloccati dagli agenti in pieno centro – hanno iniziato a dare in escandescenze. Una volante della Polizia in servizio di pattugliamento, infatti, intorno alle due di notte, ha notato i tre che barcollavano e si spintonavano tra loro, in evidente stato di ebbrezza.

Gli agenti hanno iniziato a stendere il verbale per ubriachezza molesta, ma si sono sentiti rispondere da una delle persone fermate, il più giovane: “Sono a piedi, posso bere quanto mi pare“. Il 19enne si è subito dimostrato il più riottoso, provando in più occasioni a scagliarsi contro gli agenti, mimando anche col dito il gesto di tagliare la gola. La resistenza dei tre è proseguita anche quando le forze dell’ordine hanno provato a portarli in Questura: uno dei due brasiliani si è aggrappato a una porta, l’altro è rimasto ancorato alla ringhiera dello scalone principale, entrambi hanno scalciato contro gli agenti.

Tre in tutto sono stati alla fine i poliziotti che hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, uno con prognosi di cinque giorni, gli altri due con tre giorni di prognosi. Per i due brasiliani è scattato l’arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale mentre l’italiano è stato semplicemente denunciato per resistenza. Per tutti è scattata anche la denuncia per ubriachezza molesta. Duro il commento del questore Salvatore Arena: “Dispiace che si debba tenere impegnata una pattuglia per fatti come questi, non permettendo così ai poliziotti di vigilare su altre situazioni. Purtroppo il nostro ruolo non ci consente di sottrarci anche da questi fatti minori”. Le aggressioni nei confronti degli uomini delle forze dell’ordine a Piacenza non sono fatti isolati.

GM