Trump: “I profughi vanno rispediti tutti in Siria”

Trump profughi
(Darren McCollester/Getty Images)

Donald Trump, candidato alle primarie repubblicane in vista delle prossime elezioni presidenziali americane, non perde occasione per far parlare di sè. Le sue idee sono molto nette e in tema di immigrazione erano già apparse chiare. Lui non è assolutamente d’accordo con la decisione dell’amministrazione Obama di accogliere alcune migliaia di rifugiati siriani su suolo americano e lo dimostra a suo modo aggiungendo anche qualcosa di più. Infatti Trump ha fatto sapere che qualora vincesse lui le elezioni presidenziali i profughi siriani saranno subito rispediti al loro Paese. Ecco le sue parole riportare dalla Bbc online: “Se vinciamo, loro tornano indietro perché possono essere militanti dello Stato islamico sotto mentite spoglie”. Un pensiero chiaro, elementare, che parla alla pancia della gente e solletica la paura di terrorismo che non solo negli Stati Uniti non è mai sopita.

Trump aggiunge: “Questo potrebbe essere uno dei più grandi stratagemmi tattici di tutti i tempi. Un esercito di 200.000 uomini, forse. Avete visto altre volte una migrazione come questa? Sono tutti uomini e tutti sembrano tipi forti. Ci sono molti uomini, più che donne. E mi chiedo: perché non stanno lottando per salvare la Siria? Perché stanno emigrando in tutta Europa?”.

F.B.

Leggi anche:

Trump attacca: “Obama è un musulmano”

Elezioni Usa 2016, Donald Trump dichiara guerra ai clandestini

Usa, Trump caccia giornalista ispanico dalla conferenza stampa VIDEO