Ucciso per sedare una rissa, arrestato un giovane

Biagio Zanni (foto dal web)
Biagio Zanni (foto dal web)

Svolta nell’omicidio del commercialista di 34 anni, Biagio Zanni, ucciso con alcune coltellate all’addome mentre faceva da paciere in una rissa scoppiata tra alcuni giovani in piazza Quercia a Trani, in Puglia. L’assassinio del giovane è avvenuto la notte tra il 19 e il 20 settembre scorso.Nelle scorse ore, infatti, i carabinieri hanno messo le manette ai polsi ad un giovane di 19 anni, sembra direttamente implicato nella rissa scatenatasi all’interno di una pizzeria e poi proseguita all’esterno. Il ragazzo risulta indagato nell’ambito dell’inchiesta del magistrato Marcello Catalano, insieme ad altri giovanissimi tra cui due minorenni.

Secondo quanto ricostruito, Zanni sarebbe intervenuto per cercare di placare gli animi ma è stato ferito all’addome da fendenti che hanno leso anche organi vitali. In particolare, sembra che uno degli amici del commercialista abbia fatto lo sgambetto a un giovane della comitiva del 19enne, ma gran parte della ricostruzione dei fatti è legata alle testimonianze dei presenti, che si sono rivelate confuse e spesso contraddittorie. Trasportato d’urgenza all’ospedale di Trani e poi trasferito al ‘Bonomo’ di Andria, è morto dopo qualche ora.

GM