Arriva la sentenza: si spegne il sogno della ricca ereditiera

Marcel Amphoux e Sandrine Devillard (foto dal web)

La querelle tra Sandrine Devillard e la famiglia del milionario Marcel Amphoux si è conclusa con una vera e propria batosta legale per l’aspirante ereditiera: tutto ha inizio nel 2012 quando l’anziano francese proprietario di beni per diversi milioni di euro morì in un terribile incidente stradale, mentre si trovava sul sedile passeggero e alla guida c’era un amico di Sandrine Devillard. A quel punto, la donna, agente immobiliare parigina di venticinque anni più giovane, che aveva sposato il milionario, pretese la parte di eredità che l’anziano le aveva promesso nel testamento.

La realtà era però un’altra: poco prima di morire, infatti, Marcel Amphoux decise di voler lasciare tutti i beni ad una cugina e ad alcuni vicini, contadini che vivevano e lavoravano non lontano dalla grotta dove il milionario aveva deciso di vivere da eremita, cancellando invece la parte che riguardava Sandrine Devillard. Ciò nonostante, la donna – con una grande passione per la musica – non si diede per vinta e decise di dare battaglia dal punto di vista legale. Una querelle giudiziaria che è durata quattro anni e ora un tribunale ha emesso la sentenza: nel testamento non compare il nome di Sandrine Devillard, che quindi non ha diritto a nulla, nonostante fosse coniugata ancora con il milionario. La love story tra i due è sempre messa in cattiva luce da chi conosceva il milionario e reputava l’agente immobiliare un’opportunista.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM