”Fermate il video hard”. L’incredibile vicenda che coinvolge una 56enne

Da Senigallia arriva la storia dI una notte bollente tra una 56enne e due ventenni, notte sfociata in un video a luci rosse, con la donna costretta a rivolgersi ai carabinieri. Preoccupata dal fatto che i due ragazzi con cui ha fatto sesso avessero potuto girare un video hard, che poi sarebbe stato certamente fatto girare sul web, come accade spesso, la 56enne si è recata alla caserma di via Marchetti pur senza denunciare nessuno, ma solo per chiedere un consiglio alle autorità e per capire come muoversi in questa delicata vicenda. Nonostante le rassicurazioni dei due ragazzi, che le avevano detto di star tranquilla che il video sarebbe stato cancellato, la sua preoccupazione è stata troppo forte, e da qui la decisione di chiedere aiuto. Con questa richiesta ha anche indirettamente fatto sapere ai due giovani che non conveniva fare sciocchezze con quel video, poichè una condivisone sul web ad esempio avrebbe allertato i carabinieri, i quali sono già stati informati dell’accaduto, con la possibilità di risalire a loro in poco tempo. Anche perché, come i militari le hanno spiegato, non era possibile sporgere denuncia sulle intenzioni prima che venisse commesso un reato. Insomma, una storia che da privata è diventata pubblica, ma che forse è stata bloccata in tempo sul nascere.

M.O.