Colpita da infarto, muore a 53 anni una madre di famiglia

Carmen Scian (foto dal web)

Carmen Scian, assistente giudiziaria di Cordenons, si è spenta a 53 anni, all’ospedale di Pordenone, dopo essere stata colpita da un infarto. La notizia si è rapidamente diffusa in tribunale, dove la donna aveva lavorato fino a poche ore prima e il giudice monocratico Rodolfo Piccin ha interrotto temporaneamente la camera di consiglio in segno di lutto e rispetto. Carmen Scian è ricordata come una donna piena di energia e di carisma, ma pare che già il giorno di Pasqua si fosse sentita poco bene. Aveva comunque continuato a frequentare il tribunale, finché martedì sera il medico di famiglia le ha prescritto una serie di accertamenti, che però la donna non ha fatto in tempo a effettuare.

Al marito Gianni Fregonese, che gestisce un bar al centro commerciale Meduna e al figlio Andrea, 25 anni, sono arrivate decine di messaggi di cordoglio, mentre Carmen Scian viene ricordata dai suoi colleghi come “una persona splendida, dalla battuta pronta, piena di entusiasmo, una trascinatrice: amava la vita”. Il suo ultimo gesto per il prossimo è stato donare cornee e tessuti. Per la famiglia della donna era un periodo sereno, che aveva avuto il suo apice qualche giorno fa con la laurea del figlio Andrea in scienze motorie conseguita al corso di laurea di Gemona del Friuli. In lutto anche il mondo dello sport a Cordenons, dove Gianni Fregonese è vicepresidente della società calcistica che milita in serie D, mentre suo figlio fa il preparatore atletico della squadra. Inoltre, il marito di Carmen Scian è presidente del sodalizio calcistico delle Vecchie glorie cordenonesi. La donna lavorava in tribunale dal 31 maggio del 1999, prima come impiegata nella cancelleria della volontaria giurisdizione, poi alla cancelleria civile. Viene oggi ricordata come un modello per spirito di abnegazione, competenza, professionalità.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM