Confessione choc: “Ho stuprato e ucciso Maddie McCann”

Maddie McCann (foto dal web)

Aaron Collins, pedofilo di 31 anni, condannato a 7 anni di carcere e alla castrazione chimica per aver compiuto numerosi atti di violenza su dei bambini nel 2009 ha sorpreso tutti. L’uomo ha confessato alla polizia di essere l’autore dell’omicidio della piccola Maddie McCann, la bambina inglese scomparsa nel 2007 durante una vacanza in Portogallo con i genitori, e ha spiegato agli inquirenti anche di averla stuprata prima di averle tolto la vita.

Collins ha descritto con dovizia di particolari quanto accaduto ricostruendo nei minimi dettagli il suo delitto. La polizia gli ha creduto e ha subito aperto un’indagine sulla base degli elementi che l’uomo aveva fornito. Peccato che dopo qualche ora lo stesso 31enne abbia detto agli inquirenti che non era vero nulla, il suo era soltanto uno scherzo. Collins, infatti, non ha mai visto in vita sua Maddie e dunque non ha mai avuto modo di farla diventare una delle sue vittime. Come riportano anche gli indignati media inglesi l’uomo ha detto che avrebbe messo in piedi questa sceneggiata al solo scopo di divertirsi. Collins, che si trova in cura obbligatoria da uno psichiatra non verrà nemmeno incriminato per il procurato allarme. Questo episodio potrà essere messo in archivio come l’ennesima cantonata della polizia britannica che, insieme a quella portoghese, ha commesso una serie di errori rivelatisi molto probabilmente fatali per la povera Maddie.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.