Lasciano la bimba in mezzo ai topi: “Oltre 100 morsi, era in una pozza di sangue”

(Facebook)

Erica Shyrock, 19 anni, e il suo fidanzato di 18 anni, Charles Elliott, giovane coppia dell’Arkansas, sono stati arrestati dalla polizia che è intervenuta col provvedimento di fermo dopo aver visto come era stata ridotta la loro bambina di appena 15 giorni. Gli agenti, avvisati dai medici del Magnolia Regional Medical Center, hanno potuto vedere coi loro occhi gli oltre 100 morsi di ratti che la neonata presentava sul suo corpo. Tra le innumerevoli ferite alle mani, alle braccia e alla faccia, la più grave era quella alla testa dove la piccolina presentava un vero e proprio buco procuratole dal lavoro incessante dei topi. I roditori infestavano da tempo la casa dei due adolescenti e in diverse occasioni avevano morso la bambina. La mamma ha detto che, pur avendo notato le ferite, aveva preferito non portare la figlia in ospedale per paura che i servizi sociali gliela togliessero.

E’ stato un coinquilino della coppia, resosi conto della gravità della situazione, a chiamare i soccorsi per la bimba che è stata poi trovata dai paramedici ricoperta di sangue provocato dai tantissimi morsi dei ratti. La piccola è stata curata e per la ferita alla testa ha dovuto subire un’operazione di chirurgia ricostruttiva fortunatamente andata bene. Ora è affidata ai servizi sociali in attesa di un’adozione. I suoi genitori sono invece sotto processo in attesa di giudizio. Dalle indagini tra l’altro è emerso che la 19enne ha anche un’altra figlia avuta quando aveva 15 anni. Una figlia che nessuno sa che fine abbia fatto. Ora probabilmente si aprirà una nuova indagine anche su questo inquietante aspetto.

La vicenda ricorda da vicino quanto accaduto ad Alcoman, cittadina situata vicino a Città del Messico. Qui una mamma 18enne lasciò la sua bambina di appena quattro mesi da sola in casa e la piccola venne letteralmente divorata dai topi che la mangiarono fino a farla morire.


TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.