Da sposina felice a “mostro” intoccabile: la tragedia di una giovane mamma

(Websource / Mirror)

Ferita, sfigurata, e ora anche abbandonata. Courtney Cosper Waldon, la giovane mamma di 27 anni rimasta gravemente ustionata a seguito di un’esplosione, è stata lasciata al marito (che aveva sposato due mesi prima) appena due settimane dopo l’incidente. E ora, oltre a non poter lavorare a causa delle sue condizioni fisiche, si ritrova senza neppure una casa.

La ragazza, che ha riportato ustioni di terzo grado sul volto e sul 40% del suo corpo nell’orribile deflagrazione, dice che nel giro di pochi giorni la sua vita è stata completamente “distrutta”. Il fattaccio risale al settembre 2016: Courtney stava alimentando un falò della benzina quando è stata letteralmente divorata dalle fiamme. Subito trasportata in ospedale, è rimasta in coma indotto per un mese. Poi si è sottoposta a un intervento laser al mese, e a sette trapianti cutanei.

Come in un incubo
Se Courtney tiene duro e non dispera di potersi rimettere in carreggiata, è solo per sua figlia Caroline, 5 anni, assieme alla quale continua a vivere in Georgia (Usa): “Ero una bella ragazza, appena sposata, con una vita invidiabile… Da un momento all’altro mi sono ritrovata in un incubo: riesco a stento a vestirmi da sola, ho bisogno di essere assistita per qualunque cosa, e devo re-imparare tutto da capo. Non sapevo più neppure camminare. E’ stato difficile accettare quello che è successo. La prima volta che mi sono vista allo specchio mi sono sentita male e sono quasi svenuta. La gente, poi, mi guardava come fossi un mostro”.

Proprio quando le sembrava che le cose avessero ricominciato a girare per il verso giusto, è arrivata la “botta” dell’abbandono da parte del marito. “E’ stato come prendere uno schiaffo in faccia – racconta – . Ho cercato di implorarlo di tornare a casa, ma mi ha detto che non riusciva a gestirmi… In certi momenti ho avuto veramente voglia di mollare tutto, ma dovevo pensare a mia figlia. E’ lei il mio vero sostegno”. Ora spera di trovare una nuova sistemazione, grazie anche alla raccolta fondi promossa dalla sua parrocchia: “Ogni giorno ho una speranza in più. Se sono ancora qui ci sarà una ragione…”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS