Omicidio Erika, si aggrava la posizione del fidanzato

Erika Preti
Erika e il fidanzato Dimitri (Websource)

La posizione del fidanzato di Erika Preti si aggrava di minuto in minuto. Dimitri Fricano, il 30enne biellese indagato dalla Procura di Nuoro per l’omicidio della fidanzata vede cadere il castello che lui stesso ha messo in piedi col racconto di ciò che è accaduto nella villetta affittata per le vacanze a Lu Fraili. Il ragazzo nel frattempo è stato spostato nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Olbia proprio mentre le ceneri della povera Erika, a sole 48 ore dall’autopsia nella quale è emerso che la ragazza è morta per due violenti colpi alla gola inferti con un coltello da cucina, venivano accompagnate dall’intero paese nella chiesa di Pralungo con in sottofondo la sua canzone preferita, “Un tappeto di fragole” dei Modà.

Fricano continua a ripetere la propria versione «Siamo stati aggrediti, è entrata una persona in casa, voleva rapinarci, ricordo solo questo”. Ma i Carabinieri che si stanno occupando delle indagini, guidati dal tenente Andrea Leacche, hanno effettuato un nuovo sopralluogo sulla scena del crimine insieme ai colleghi della sezione scientifica. L’analisi del luogo in cui è stato compiuto l’omicidio ha dimostrato e confermato due aspetti fondamentali. Innanzitutto, al contrario di quanto dichiarato inizialmente anche dall’amico della coppia padrone di casa, all’interno della villetta non risulta essere stato rubato nulla (si parlava di un Rolex e di 500 euro in contanti). In secondo luogo in nessuna stanza dell’abitazione sono presenti tracce ematiche che non appartengano a Erika o a Dimitri. Insomma sembra proprio che in quella casa ci siano stati solo loro due. Nessun aggressore esterno, nessun ladro introdottosi furtivamente. Tanto più che non risulta esserci nemmeno il minimo segno di effrazione o di ingresso violento dal portone o da qualche finestra.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.