Aggredito senza pietà dai bulli, la ferita è impressionante

(Websource / Metro)

Un bambino inglese di 10 anni è finito in ospedale con una terribile ferita alla testa provocata dall’aggressione di alcuni bulli. Logan Perberdy sabato stava giocando in un parco vicino a casa sua a Crewe, nel Cheshire, quando un gruppo di ragazzini incappucciati lo ho colpito con un mattone in modo talmente violento che, una volta giunto in ospedale, il personale ospedaliero poteva vedere il suo cranio. Ora il piccolo Logan sta recuperando al meglio, ma è terrorizzato alla sola idea di uscire nuovamente di casa. Sua madre Clare, 42 anni, ha commentato così l’episodio: “Era coperto di sangue, sembrava che metà del suo volto stesse sanguinando. Mio figlio stava giocando vicino al ruscello con un suo amico, quando sono sbucati questi ragazzini incappucciati che l’hanno colpito con un mattone”. La madre spiega che l’attacco è stato totalmente insensato: “Non c’è stata alcuna discussione, nessun litigio. Hanno colpito e poi sono scappati. Erano tutti incappucciati tranne uno, sono scappati per non essere identificati”.

Che schock

Clare spiega che tutta la famiglia è rimasta scioccata da questa aggressione gratuita: “Quando siamo tornati a casa, mia figlia è quasi svenuta nel vedere tutto quel sangue. Logan era confuso, continuava a chiedersi cosa avesse fatto di male. E’ un bambino di 10 anni e non vede il male nelle persone, nella sua testa è convinto che tutti possano essere amici di tutti”. Rimane l’assurda violenza di un gesto sconsiderato: “Ad un figlio puoi dire di stare attento quando esce a giocare, ma non diresti mai ‘Fai attenzione, un ragazzino potrebbe lanciarti un mattone in testa’ “. In ospedale i medici hanno dovuto incollare la ferita di Logan, poiché non c’era carne a sufficienza in quella zona per mettere dei punti: “L’infermiera ha detto che si vedeva il cranio attraverso la ferita. Per assurdo una buona notizia, perché ha potuto constatare l’assenza di frattura senza dover fare delle lastre. Ma è una cosa sconvolgente” – la chiosa di mamma Clare.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI