Mezza Italia in fiamme: emergenza in Campania e a Roma

(Websource/archivio)

Mezza Italia sta bruciando. La situazione già da alcuni giorni molto grave e preoccupante nella zona del Vesuvio non accenna a placarsi. Le fiamme adesso lambiscono Torre del Greco dove è scattato il panico tra i cittadini perché i roghi si sono avvicinati molto pericolosamente alle case e alle strutture pubbliche. Per questo motivo è stato evacuato l’ospedale e molte famiglie sono state portate via dalle loro case. Nonostante l’incessante lavoto dei vigili del fuoco le fiamme hanno ripreso vigore per tutta la giornata anche grazie al forte vento che ha spazzato abbondantemente la zona. Il vento tra l’altro ha reso molto difficoltose le operazioni di spegnimento e l’arrivo dei soccorsi. Molti i messaggi sui social delle persone allarmate. Eccone uno molto significativo apparso su Twitter: “Torre del Greco,situazione GRAVISSIMA, fumo nero avvolge città, persone in fuga, fiamme alte. Un inferno”.

Anche nella capitale la situazione è molto preoccupante con diversi incendi scoppiati in varie zone della città. Verso sera una colonna di fumo si è levata alta nella zona della stazione ferroviaria di Tor di Quinto. Il forte odore di bruciato e la nube nera sono arrivati fino al Tridente. Gravi disagi anche sulla Via del Mare dove alle 7.50 di stamattina si è riacceso il focolaio di ieri pomeriggio e le fiamme sono tornate a preoccupare seriamente abitanti della zona e automobilisti. Un altro incendio si è poi sviluppato in zona Tor di Quinto sulla Salaria. Le fiamme sono arrivate fino ai binari. E poi un altro rogo si sarebbe sviluppato in zona Giardinetti, sulla Casilina, in zona Sud di Roma. Gli abitanti impauriti hanno chiamato a centinaia i centralini impazziti dei vigili del fuoco. Come se tutto ciò non bastasse poi il fuoco è divampato in uno sfasciacarrozze in via di Centocelle. Molte auto sono esplose con i residenti impauriti dai boati che si sono riversati in strada. Anche qui una nube di fumo denso e nero si è alzata inquietante in cielo. Sul posto le squadre dei vigili del fuoco e i Carabinieri della Compagnia Casilina. Si apprende che una delle tante esplosioni avrebbe ferito solo lievemente due carabinieri medicati sul posto e un autista di mezzi pubblici portato in codice verde al policlinico Casilino.

F.B.

 

F.B.