Morto in casa da due anni, lo scopre la sorella

(Websource/archivio)

Sembra incredibile, ma storie simili a queste ne abbiamo già sentite tante. Sono storie che denotano oltre alla drammaticità della morte anche un’enorme tristezza derivante dalla solitudine di persone che sono così dimenticate dagli altri e dal mondo che, nonostante siano morte da tempo, nessuno se ne accorge. E’ quanto accaduto a Bari nel quartiere Carbonara. In un’abitazione di Via Cremona è stato ritrovato il cadavere di un uomo di 75 anni morto addirittura da due anni. Nessuno prima d’ora si era accorto della sua sparizione.

L’uomo, che viveva da solo, aveva alcuni parenti tra cui una sorella in Venezuela. Loro non lo sentivano da tempo, ma per ben due anni hanno aspettato prima di attivarsi per provare a capire cosa fosse accaduto. Solo ora sua sorella si è recata a Bari e nel tentativo di trovare suo fratello si è resa conto che qualcosa non andava. Avvisate le forze dell’ordine non ci è voluto molto per capire cosa fosse successo. Il corpo dell’uomo in sostanza era già decomposto e dunque praticamente mummificato.

Purtroppo come dicevamo casi di questo tipo non sono così rari. Un paio di mesi, per esempio, fa gli abitanti di un condominio in via Ciotti a Montichiari chiamarono la polizia per l’odore insopportabile che aveva ormai invaso tutta la palazzina. Una volta stabilito che l’odore arrivava da un punto preciso la polizia aprì la porta di quell’appartamento e al suo interno trovò il corpo senza vita di un 78enne, Carmine Pepe, morto secondo il medico legale da almeno una settimana.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.