Mourinho: Inter, i Convocati, Champions Balotelli e silenzio stampa

MILANO – Domani sera torna di scena l’Inter in versione europea. Archiviato, non senza amarezza il campionato e la sconfitta dell‘Olimpico, i nerazzurri tornano in campo alla ricerca di una vittoria contro all’apparenza modesta (confrontata con il Chelsea) Cska Mosca. E per l’occasione della Coppa torna a parlare Josè Mourinho. Il tecnico portoghese si è chiuso in silenzio stampa per quanto riguarda il campionato, ma alla vigilia del match di San Siro vuole dire la sua.

CHAMPIONS – “L’Inter sta facendo una grande Champions – ha detto Mourinho –  Abbiamo giocato otto gare, quattro con due delle migliori squadre del mondo. Abbiamo perso una gara a Barcellona, abbiamo fatto cose importanti, col Chelsea siamo stati fantastici. Ha vinto a Kiev e in casa contro il Rubin sotto pressione. Stiamo giocando una bella Champions. Vogliamo arrivare in semifinale. Lo stesso vuole fare il Cska. E’ sicuramente la miglior Champions negli ultimi anni e faremo di tutto per arrivare in semifinale. Grande San Siro contro il Chelsea ed è quello che mi aspetto domani”.

CSKA MOSCA – Sulla carta l’avversario russo non sembra certo dei più pericolosi. “L’Inter non è la squadra favorita. Quando si è quarti di finale di Champions League sì è tutti più o meno uguali. Non ci si arriva per fortuna o per caso. Il Cska Mosca inizia adesso il campionato, ha una situazione diversa dalle altre squadre. E’ formata al settanta per cento da giocatori della Nazionale, è più o meno la stessa squadra che affrontai io nel 2005 con il Chelsea, solo che ora hanno molta più esperienza. E’ una squadra che merita rispetto. Non mi sento favorito e non credo che neanche loro lo siano. Noi vogliamo vincere e spero che tutto San Siro sia con noi, che ci aiuti perché è una partita difficile”. Non sarà un match spettacolare: “Mi aspetto una aprtita bruttina. Loro faranno contropiede, noi dovremmo essere molto concentrati. E’ difficile giocare contro una squadra del genere, preferivo che la prima fosse e a Mosca così loro si dovevano esporre e  e fare qualcosa”.

SOSPETTI – Mourinho considera il Cska Mosca una squadra di tutto rispetto che ha meritato i quarti di finale di Champions League, ma getta delle ombre sul cammino europeo dei moscoviti. “C’è del grigio nel loro cammino. Cosa intendo? Che se si trovano due giocatori postivi ad una sostanza proibita in questa competizione, diciamo che la situazione è grigia”.

BALOTELLI E SILENZIO – Per la sesta volta SuperMario non è stato convocato. E’ la quinta esclusione fatta per motivi disciplinarri. Ma di ciò Mou non vuole parlare e liquida l’argomento: “Non parlo di chi non è convocato”. Poi il lusitano spiega i motivi del suo silenzio stampa:” Il silenzio fa bene perché io voglio andare in panchina. Essere allenatore vuol dire stare vicino ai giocatori, prima e durante la gara. Io voglio stare con i miei giocatori e non parlare di Italia e campionato mi permette di farlo. Non voglio rischiare una squalifica”.

FUTURO – Inevitabile parlare d’Inghilterra e della voci che danno Mourinho in procinto di tornare in Premier League. “Il calcio inglese mi manca e io manco a loro. Ma io ora penso solo all’Inter” 

I CONVOCATI:MILANO – Sono venti i convocati di José Mourinho per la sfida di domani contro il Cska Mosca. Come ampiamente preannunciato, non c’è Mario Balotelli, mentre ritorna anche in Europa Cristian Chivu dopo il terribile infortunio alla testa. Questa la lista completa: Toldo, Julio Cesar, Orlandoni, Cordoba, Zanetti, Maicon, Materazzi, Samuel, Chivu, Stankovic, Quaresma, Sneijder, Muntari, Krhin, Mariga, Cambiasso, Eto’o, Milito, Pandev, Arnautovic.

.