La juventus in questo critico momento sta cercando di recuperare i tasselli di un puzzle che si è perduto. Dopo la risicata vittoria, ma fondamentale, con l’atalanta stasera è impegnata in un altro scontro delicato con l’udinese. E come sempre quando c’è da intervenire è sempre lui, ormai da tempo memore che scende in campo: Alessandro Del Piero. Nel momento più delicato degli ultimi 20 anni per la sua squadra il capitano se la prende per l’ennesima volta sulle spalle. Ci sarà poco da fare se vicino avrà Trezeguet o Amauri, questo non importa. L’importante è che ci sarà lui e che correrà più degli altri. L’importante è scendere in campo e poter guardare i tifosi con la testa alta. Dopo una settimana che ha sancito il ritrovamento di sospette telefonate di Moratti ai designatori, che non scagionerebbero Moggi ma creerebbero nuove vittime, e con un fine settimana che ha visto la scomparsa del grande Maurizio Mosca (ciao Maurizio!); la juventus deve dimostrare chi è perchè come dicevo i tifosi sono stufi.

Matteo Fantozzi