Politica, Gli accordi del summit notturno Berlusconi-Bossi

«È stata una riunione importante, abbiamo trovato la quadra sul metodo per fare le riforme»; questo il commento del ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli a chiusura dell’incontro notturno tra il Premier Silvio Berlusconi e il leader della lega Umberto Bossi. Un incontro durato più di tre ore in cui si è parlato di riforme, da quella dello stato e del governo a quella costituzionale, fino ad arrivare al nodo intercettazioni. Secondo Calderoli, il punto chiave su cui si è raggiunto un accordo importante è la rapidità di intervento e, come la Lega aveva chiesto, Calderoli stesso e Umberto Bossi, hanno ottenuto la delega sul tema riforme istituzionali.

Sul tema delle intercettazioni Berlusconi ha sottolineato la sua volontà di accorciare i tempi per definire il prima possibile il cammino del ddl ancora fermo in Senato, mettendo a punto il testo definitivo. Nel corso del vertice si e’ parlato anche di riforma del fisco. Il Presidente Berlusconi ha rimarcato l’importanza di un ammodernamento del sistema attuale, sottolineando l’importanza della riforma soprattutto per gli elettori. Tremonti, sempre secondo quanto riferito, a quel punto ha preso la parola per dirsi disponibile a discutere la riforma ponendo coma unica condizione che a farlo siano lui e il presidente del Consiglio.

Per quanto concerne la riforma istituzionale, non si sarebbe parlato di una forma di governo in particolare. Sul tavolo i leghisti hanno messo un memorandum con le diverse opzioni (dal semipresidenzialismo, al premierato, passando per il presidenzialismo puro). Lo studio concerneva anche la riduzione del numero dei parlamentari e l’eliminazione del bicameralismo perfetto con le possibili interazioni fra queste modifiche e la forma di governo. Il tutto sara’ discusso nei passaggi successivi, sia all’interno del Pdl che con il Carroccio. Infine, per quanto concerne il nodo ‘rimpastino’ di governo, la Lega avrebbe confermato di voler rispettare il patto in base al quale al posto dell’uscente Luca Zaia subentrera’ Giancarlo Galan