Pakistan, attentato dei talebani ai rifornimenti delle forze Nato

Ennesimo attentato in Pakistan. La serie di esplosioni che in questi giorni si sta verificando nella provincia nordoccidentale del paese sembra non volersi esaurire. Dopo la doppia esplosione avvenuta due giorni fa nel campo profughi di Kacha Pukha e l’autobomba saltata in aria ieri nel distretto di Kohat, è di questa mattina la notizia di un nuovo attentato realizzato in territorio pakistano.

Un’autobotte che trasportava carburante per le forze Nato stanziate in Afghanistan è stata fatta esplodere tramite un ordigno azionato con un timer. Il rogo è avvenuto sull’autostrada diretta al valico del Khyber, l’arteria stradale che porta appunto in Afghanistan: la deflagrazione ha danneggiato alcuni negozi, ma non ha provocato vittime.

L’attacco sarebbe stato rivendicato dagli estremisti islamici del Tehrik-i-Taliban Pakistan: si tratta dello stesso gruppo che il 5 aprile scorso ha attaccato il consolato statunitense a Peshawar, facendo saltare in aria due autobombe e provocando otto vittime.

 

Tatiana Della Carità