Bruce Springsteen, un premio per le sue origini italiane

La nonna Raffaella Zerilli era sbarcata su Ellis Island nel 1900. Arrivava con cinque figli da Vico Equense (Na)

Tutti sanno che è nato negli Stati Uniti, ma in pochi sanno che nelle vene di Bruce Springsteen scorre anche del sangue italiano. Ieri il rocker del New Jersey, accompagnato dalla madre e dalla zia, ha ricevuto l’Ellis Island Family Heritage Award. Si tratta di un premio consegnato dalla fondazione Statue of Liberty-Ellis Island agli immigrati o ai loro discendenti “che hanno dato un grande contributo all’esperienza americana”. Tra i premiati sull’isola che ospita la Statua della Libertà e che per decenni fu il primo punto di approdo degli immigrati in cerca del sogno americano ieri c’erano anche il banchiere Peter G. Peterson, il presidente e amministratore delegato dell’Avon Andrea Jung e l’ex campione dell’NBA Dikembe Mutombo.

La nonna materna di Springsteen, Raffaella Zerilli, sbarcò su Ellis Island il 3 ottobre del 1900 con al seguito cinque figli. Arrivava da Vico Equense, una cittadina in provincia di Napoli, per poter finalmente riabbracciare il marito Raffaele e poter vivere con lui nel West Village, a Manhattan. Uno dei figli di Faffaella e Raffaele, Antonio, sposò Adela Sorrentino. La loro figlia più giovane, Adele, sposò un americano di origini irlandesi, Douglas Springsteen. I Springsteen crebbero i loro tre figli in New Jersey. Uno di questi era Bruce che a 16 anni ricevette dalla madre in regalo la sua prima chitarra.

Chiara Basso – America24.com

.