Strage nel Mantovano, è caccia all’assassino

Omar Bianchera ha 44 anni e vive a Volta Mantovana, comune di circa settemila abitanti in provincia di Mantova. E’ lui l’uomo che questa mattina ha ucciso l’ex moglie Daniela Gardoni, di 38 anni, una vicina di casa e una terza persona, facendo poi perdere le proprie tracce. La prima parte della strage ha avuto luogo in viale Risorgimento, dove Bianchera ha raggiunto la sua ex compagna, da cui si è separato alcuni anni fa. Tra i due è scoppiata in strada una lite furiosa, nel corso della quale l’uomo ha aperto il fuoco, uccidendo la Gardoni sul colpo. In seguito si è recato in un bar alla periferia del paese, dove ha ucciso la settantunenne Maria Bianchera, sua vicina di casa, con la quale aveva da tempo contrasti per motivi non ancora noti. Infine, Omar Bianchera ha raggiunto il paesino di Picar, dove ha assassinato Walter Platter, agricoltore di 35 anni: anche in questo caso sembra che i rapporti tra i due fossero piuttosto tesi ma non si conoscono ancora le ragioni dei dissapori.
L’omicida è quindi fuggito, facendo perdere le proprie tracce nei boschi che circondano l’area dell’alto mantovano, nei pressi dei lago di Garda. Stando alle prime informazioni, l’uomo avrebbe con sé due pistole e un fucile. Le forze dell’ordine temono che Bianchera possa uccidere ancora e hanno organizzato posti di blocco in tutta la zona per rintracciarlo.
“Sono esterrefatto -commenta Giuseppe Adami, sindaco di Volta Mantovana- Tutto il nostro comune è sconvolto. E la cosa grave è che non è ancora finita. Qui in tanti conoscono Omar Bianchera, ma nessuno avrebbe mai immaginato una cosa simile”.

Tatiana Della Carità