La donna con la vista a raggi X chiede aiuto

Julia Vorobjova nel 1988

Julia Vorobjova, 70 anni, residente a Donetsk in Ucraina, da 32 anni vede attraverso i corpi delle persone, dopo uno shock provocato da una violenta scossa elettrica che l’ha ridotta in fin di vita. Non è la solita storia di mostri o fenomeni da circo simili a pesci d’aprile, ma è un caso provato e riprovato da tutti gli studiosi del mondo. La donna è in grado di vedere e prevedere le malattie delle persone con un solo sguardo. Riesce a vedere al di là degli organi e capire subito patologie e malattie, molte volte con grande anticipo rispetto al loro naturale decorso.

Il 3 marzo 1978 e fu subito dichiarato il decesso della donna dopo un’incidente all’interno di una miniera in cui aveva preso una scossa di 380 volts. Portata in obitorio, è stata affidata a degli studenti di medicina che la hanno amputato l’alluce, accorgendosi così che era ancora viva. Dopo un anno di coma, si è risvegliata e si è accorta di questo suo dono così singolare. Fu assunta dal Kgb che l’ha arruolata nel segretissimo ‘Dipartimento 90, che si occupava di scienza e ricerca.

Questa storia così assurda e originale è stata riportata sotto i riflettori da un articolo di Nicola Lombardozzi pubblicato su Repubblica di venerdì 7 Maggio, che rivela come personaggi illustri del mondo politico e non solo si siano più volte affidati a visite presso la donna nella sua città natale. Uomini del calibro di Breznev, Jurii Andropov. E poi Boris Eltsin, Mikhail Gorbaciov e la sua consorte Raissa. Dalla Francia erano giunti anche Francois Mitterand e compagna, tra cui anche lo stesso papa Giovanni Paolo II.

“Un tempo, dopo ogni articolo che mi riguardava davanti al mio ingresso c’era la fila. Sono arrivati da tutto il mondo. La polizia proteggeva l’ingresso. Gli scienziati che mi hanno visitato, hanno sostenuto che mentre facevo lo screening di un uomo, tutti i miei organi si bloccavano e funzionavano solo il cervello e il cuore. A furia di cercare le malattie degli altri, da un giorno all’altro mi sono ammalata anch’io. Un istituto scientifico ha sottolineato che dopo la scansione ai raggi X di una mia paziente, per otto ore avevo tutte le articolazioni abbondantemente irrorate di sangue. Vedo qualcosa che gli ultrasuoni non riescono a mostrare” dice la donna.

Oggi la 70enne ucraina è malata e priva di una pensione dignitosa. Vive in condizioni  disagiate in uno stato di salute molto precario. Ma per ora nessuno dal Cremlino si è ancora fatto vivo.

Emiliano Stefanelli