Golfo del Messico, Bp installa nuovo tappo per contenere fuoriuscita di petrolio

La Bp è riuscita a posare il nuovo ‘tappo’ sul pozzo di petrolio nei fondali del golfo del Messico. La copertura dovrebbe riuscire a contenere integralmente la fuga dei milioni di litri di greggio che si riversano quotidianamente nell’ oceano da oltre 3 mesi. Le prossime 48 ore saranno cruciali per capire se l’ operazione ha avuto successo: le immagini diffuse sul sito internet del gruppo petrolifero britannico mostrano la posa del tappo sulla fuga di greggio a una profondità di 1.500 metri. Battezzato “Top Hat 10”, il nuovo imbuto sostituisce il modello precedente che raccoglieva al massimo 25.000 barili di petrolio, contro i 35.000-60.000 che sgorgavano dal pozzo.

La Bp non ha voluto comunque garantire il successo del nuovo tentativo, sottolineando come questa operazione sia assolutamente eccezionale e senza precedenti “a questa profondità e in queste condizioni”. “La sua efficacia e capacità di contenere il greggio e il gas non possono essere assicurate”, mette in guardia la compagnia. Ma se dovesse funzionare, la Bp conta entro inizio agosto di riuscire a mettere in opera i due primi nuovi pozzi di soccorso che dovrebbero bloccare definitivamente la fuga di greggio. Nel frattempo è giunta in Florida la First Lady, Michelle Obama, che ha invitato i turisti a non abbandonare la costa del Golfo: “E’ importante per il resto del Paese sapere che questi posti continuano ad essere vivi e belli come lo sono sempre stati in precedenza”. Sul fronte giuridico, il governo Usa ha annunciato una nuova moratoria sulle perforazioni offshore in profondità, per sostituire quella attualmente sospesa dal tribunale federale, perche “troppo estesa”. La nuova moratoria sarà in vigore fino al 30 novembre.

Apcom