Terremoto, lieve scossa di magnitudo 2.3 in provincia di Salerno, L’ Aquila e Rieti

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata avvertita dalla popolazione alle 5.36 in provincia di Salerno. Lo rende noto il Dipartimento della Protezione civile secondo cui, dalle verifiche effettuate, non risultano al momento danni a persone o a cose. Le loclaità prossime all’ epicentro sono Salvitelle, Auletta e Caggiano.

La scossa di terremoto di magnitudo 3.4 che ha interessato la provincia di Salerno, è stata avvertita anche in tutti i centri del Vallo di Diano, il vasto comprensorio a sud di Salerno. Diverse persone sono state svegliate dalla scossa che è stata sentita soprattutto nei piani alti dei palazzi. Il Vallo di Diano confina con i territori di Auletta e Salvitelle, i due comuni del Tanagro vicini all’area dell’epicentro. Non si registrano danni a cose o persone. L’area epicentrale interessata dall’evento odierno è in parte coincidente con quella del sisma del23 novembre 1980. I gegologi non hanno ancora stabilito se si tratta della stessa fenomenologia.

Una scossa sismica è stata lievemente avvertita questa mattina dalla popolazione tra le province de L’Aquila e Rieti. Le località prossime all’epicentro sono Montereale, Barete, Capitignano, Cagnano Amiterno (L’Aquila) e Borbona e Posta (Rieti). Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 09:13 con magnitudo 2.3.

Il Mattino