Usa, Barack Obama porta la famiglia a passare un week end nel Maine

Washington. Il presidente americano, Barack Obama, la moglie e le loro due figlie, sono scappati dal pesante clima, politico e meteo, della capitale Washington per concedersi un week-end in famiglia all’ombra del parco nazionale di Acadia, nel nord ovest del Maine. Con il cane Bo, Barack, Michelle e le figlie Malia e Sasha hanno lasciato la Casa Bianca e appena arrivati nel parco nazionale hanno inforcato una bicicletta. La famiglia presidenziale si è in seguito recata in una gelateria, la “Mount Desert Island Ice Cream store”. Dopo aver ordinato un gelato, Obama ha incrociato un gruppo di studenti tedeschi al quale ha lanciato un caloroso “Auf Wiedersehen”. Questi giorni di riposo arrivano dopo dure settimane di dibattito politico terminate giovedì scorso con il voto della riforma di Wall Street al Congresso e la speranza che la fuga di petrolio nel golfo del Messico sia stata finalmente arrestata dal gruppo petrolifero Bp. In attesa delle elezioni di mid-term di novembre, in cui i democratici rischiano di perdere dei seggi, la minima occasione di prendersi un po’ di riposo viene sfruttata dagli Obama. Non è la prima volta che la famiglia presidenziale sceglie per le vacanze di visitare un parco nazionale: l’anno scorso, aveva attraversato il parco dello Yellowstone e quello del Grand Canyon, nell’ovest del Paese. Sui futuri programmi estivi degli Obama non si sa nulla di preciso a parte che la primogenita, Malia, 12 anni, parteciperà al suo primo “campo estivo. “Vedremo quando ci potremo prendere un po’ di vacanze nel corso dell’estate”, aveva detto Barack Obama giovedì. “Ma per un mese Malia andrà in un campo estivo per la prima volta”, aveva aggiunto. L’estate scorsa, la famiglia Obama aveva passato qualche giorno sull’isola di Martha’s Vineyard ma aveva dovuto interrompere le vacanze per assistere ai funerali del senatore Edward Kennedy a Boston. Alcuni oppositori hanno chiesto che il presidente trascorra le vacanze lungo la costa del golfo del Messico per sostenere l’attività turistica in crisi per la marea nera. (con fonte Afp)

Apcom