Maradona ha deciso: resterà ct dell’Argentina fino ai Mondiali in Brasile

Buenos Aires, 21 lug. Diego Maradona ha deciso di restare ct dell’Argentina. Il tecnico ha rivelato che la settimana prossima si incontrerà con il presidente dell’Associazione Calcio Argentina (AFA), Julio Grondona, per parlare del suo contratto per restare alla guida dell’albiceleste, anche se telefonicamente i due si sono già sentiti. “La settimana prossima parlerò con Grondona”, è stata l’anticipazione che ha fatto questa mattina il direttore tecnico all’aeroporto internazionale di Ezeiza, prima di partire per il Venezuela per “salutare” il presidente Hugo Chavez. Questa è stata la prima apparizione pubblica di Maradona da quando è tornato nel suo Paese dopo l’eliminazione dal Mondiale di Sudafrica 2010 per mano della Germania. Da allora era rimasto nella sua casa senza fare dichiarazioni. Nelle ultime ore, come scrive il quotidiano sportivo ‘Olè’, l’allenatore si è scusato con Grondona per la mancanza di comunicazione delle ultime settimane, e gli ha detto che sarebbe andato in Venezuela e che al suo ritorno si sarebbe sistemato tutto. “Sì, voglio proseguire. Lunedì ci vediamo”, avrebbe detto Maradona a Grandona al telefono, secondo il giornale.

Lunedì prossimo quindi si incontreranno Grondona e Maradona per trovare l’accordo per il rinnovo del contratto fino al 2014 per i Mondiali in Brasile, con un compenso che dovrebbe aggirarsi intorno ai due milioni all’anno. Il presidente dell’AFA non chiederà a Maradona di cambiare il suo staff tecnico ma porrà delle condizioni. Per esempio che l’ex giocatore Oscar Ruggeri, che Maradona voleva come assistente, non starà vicino alla squadra come in Sudafrica. La seconda richiesta riguarderebbe una maggiore partecipazione del manager della nazionale, Carlos Bilardo, che è stato relegato in secondo piano durante la gestione Maradona. Dopo la riunione ci sarà una conferenza stampa nella quale Maradona svelerà quale è la situazione, come lui stesso ha detto prima di partire per il Venezuela.

Adnkronos